Trofeo Villa d'Este

6 ottobre 2018

Storia

Quando la Canottieri Lario era ancora una sezione della Ginnastica Comense il canottaggio appassionava già le folle anglosassoni. Le competizioni remiere erano più che altro riservate agli esponenti dell’alta borghesia e teatro delle regate era sovente lo specchio d’acqua antistante Villa d’Este.

In un disegno tratto da “L’Illustrazione Italiana” del 30 settembre 1877, ad opera di un tal Semenghini, impressiona la quantità e l’eleganza del pubblico che assiste alla competizione. In acqua ci sono anche due battelli da dove si ha una visione ancora migliore della regata.

La storia della Lario e di Villa d’Este si incontrano per la prima volta durante la seconda regata ufficiale alla quale partecipò anche la neonata Canottieri vestendo il body bianconero divenuto poi divisa ufficiale. Era il 5 settembre 1891.

Per la cronaca la Canottieri Lario conquistò un primo ed un secondo posto nel 2+ sui 900 mt ed un primo ed un secondo posto con la lancia veneziana o “veneta” a sei vogatori.

All’immagine de “L’Illustrazione Italiana” e all’amore per questo nobile sport, Enzo Molteni, Presidente della Società Canottieri Lario e Jean Marc Droulers, già Presidente del Grand Hotel Villa d’Este, fecero riferimento per riproporre la storica regata.

La società Canottieri Lario organizza sabato 6 ottobre 2018 la riedizione della storica Coppa Trofeo Villa d’Este.

L’evento vedrà i migliori vogatori sfidarsi nello specchio d’acqua tra il Tempio Voltiano, Villa d’Este e Villa Olmo. Dalla fine del 1800 a tutto il secolo, campioni del calibro di Giuseppe Sinigaglia, Teodoro Mariani e Michelangelo Bernasconi si misurarono in questo bacino.

La competizione, con oltre un centinaio di barche provenienti da società italiane ed estere, prevede la partenza dal Tempio Voltiano per concludersi lungo la passeggiata di Villa Olmo. Gli equipaggi, una volta allineati, partiranno all’unisono per uno spettacolo unico ed indimenticabile.

Edizione 1913

Edizione 1910

Edizione 1909

Edizione 1903